RICHARD AND THE SWELL OF THE CENTURY // RICHARD E LA TEMPESTA DEL SECOLO

Novembre 10, 2018 0 Di Paolo Rocchi

 

It is our first day in Ericeira, Saturday morning. World Surf League is back with their QS10000 into the World Surfing Reserve, this is how the area is named. Today is finals day in Ribeira d’Ilhas, waves are not bad. It is enough protected from the strong wind from the North, the bay allows the WSL to be at his best. (here our post about Eiceira)

I am in Sao Juliao instead, southern and more exposed to open ocean. This is a lethal combination with this wind blowing and making the waves more technical and complex. We are above the surf spot, this cliff makes the whole bay and the horizon line well visible: pure classics for those spending time watching waves in the region. There are countless of these posts on the Portuguese coast and all of them offer breathtaking landscapes, with no exceptions.

Between coffees and some Pastel de Nata, I meet Richard, or “Ricardo”, as he underlines, trying to create a sudden connection with Italy.
We are side to each other, watching a sea that despite poor waves still is charming, nothing but water, darker than you could expect, below a wind blown sky. Here I am wearing clothes as a mountain soldier due to these gusts of wind; there he stands, wet and half wetsuited. Long white hair and red spotted face skin. Probably for the waves and the wind, my guess. His eyes are on every upcoming wave, hit and squeezed by the wind, flashing every time somebody in the water miss a chance for a wave he judged, probably, better.

First words are from him -the wind took the fun apart, a protected bay would be helpful- holy speech! He’s traveling with his partner until Andalusia, he is 70yo and American, Ricardo.

If wind ruined my plans, that did not happen with his own, since he just came out from the water with his 9’ rented longboard. More than anything: he stands there watching a sea that today can be defined intriguing only. My sinusitis got inflamed just watching him!

Something does not match, looked like a movie scene. We talk about Sao Juliao bay shape and how at Hawaii’s wind often helps the swells. Ricardo is not the bored 70yo, who picked up the worst day to start with surfing. On the other hand, he is surfing since 50 years and owns an house in Oahu, Hawaii, where thanks to the cooperation between winds and swells he could surf some of the classic stereotyped waves, tube rides that every surfers imagined at least once in his life.

In His life, Ricardo surfed places like Fiji and Tahiti, Hawaii and California. As takeaways, many memories and ailments. Because -he admits- after 50 years surfing, everything changes. Neck, shoulders, hips and ankles, he had a lot of injuries. Tells me about his stepson and his grandchild. The first one lives just to fit himself into truck size tubing waves for 3 months a year in South Pacific Islands. Things he did too, even when the biggest swell ever hit Hawaii in ‘69. “The swell of the century, no matter what statistics say!”
When he defines that ride as the best of his life, I don’t link his words to the classic surf history.
That day, says Ricardo, waves were too big, and there were no usual exit channels to reach the lines up. Waves were too much outside, and too big he specifies. Nobody was out there, but parking was crowd with a lot of surfers waiting at least for a reasonable safe window to paddle in. Ricardo was there waiting too, but he was sure that somewhere on the coast there were places made to resist such powerful storm.

So with his bike, with rain and wind he took over Waikiki, hoping for the following spots could offer the so waited ride. As often happens in these cases: seek and ye shall find,
Few beaches after Waikiki, he got the right place, 25 to 30 feet waves, with “safe” lines to paddle out. It took a while before getting the momentum -with that wave size, it was better to spend 20 minutes more watching the situation from the coast and be “sure” to have the chance to came back.

The point was 40 minutes away. Forty minutes paddling, alone, on a long and heavy board, with materials technology of that age, in the middle of what journalists later named The Swell of the Century. It was ‘69 and yes, it is the same swell of Greg Noll, who challenged the ocean in front of Makaha, alone, becoming the most influent surfer ever, opening the door to a new surf’s era. From that session there is no public image or photo, everybody say…

Ricardo is not Greg Noll, that is not Makaha and he is not alone in the line up. There are 3, or maybe 4, crazy guys, as he says, willing to try for those huge liquid walls.
He got a taste with one and single wave, after been waiting for like decades before taking off. On such sizes the good old “go-no go” is more than understandable as a self-preservation impulse!
Here it is what he was waiting for: wave of a lifetime, the finest, scariest and bigger wave he ever decided to surf. He recognize her from far away, a left wave, with enough space to enjoy a back-side ride, shoulders to the wall. A beautiful monster, he says.
And trust me when I say that his eyes were on fire while talking. Might have be the wind but he was totally into that memory with all its feelings! Ricardo started paddling, take off and here he went for an unlimited run in the middle of the dark blu, cutting the wave with a single, perfect white line, bottom turn, back to the lip, and before dropping in again, he give a look on the right, for a second, and there he saw it, the belly of the beast: that roaring spat out of the tube was the scariest and most delicious noise he ever listened. So much energy spewed out like a geyser shakes his bones still today.
The wave ends and so his run does in a safe zone, where he stopped for another 20 minutes trying to understand if it was a dream or reality and if he was still alive.

Rarely I saw people talking about shots of their life with the same intensity and energy. Usually they are more fuzzy images, confused by the time, but this short story was so vivid, like a Polaroid there in Sao Juliao. Just for a moment, it was like being there 40 years ago. He tells me that surfing is far away now, he can’t do the same things anymore. Just talking about his left ankle that does not turn properly making take offs slow, too slow. He’s anyhow happy for the waves he rode and the places he has seen. “Now it’s time for others to have fun” he says evily smiling “as my grandchild, he lives with me, between school and surf. He spends so much time in the line up, that he almost breath under water!”

We have spent more than one hour talking. Tomorrow he will head South, pay a visit to Algarve and then Andalusia. We say hello to each other, I do thank him for the small window he opened on those days. He thanks me for the chance to bring those memories up again.

Have a nice trip Richard, hope to see you soon!

 

//

 

É il primo giorno ad Ericeira, Sabato mattina. Il World Surf League è tornato con il QS10000 nella Riserva internazionale del Surf, così viene chiamata quest’area. Proprio oggi è il giorno della finale a Ribeira d’Ilhas, le onde lì non sono male, abbastanza riparata dal vento da Nord, la baia permette lo svolgimento della gara e di tutto il suo gran bailame. (qui il nostro post su Ericeira)


Io sono a Sao Juliao invece, più a sud e più esposto al mare aperto. Combinazione letale con il vento che agita tutto e rende l’onda ancora più tecnica e complicata. Siamo un po’ a ridosso dello spot, sul cliff che permette di osservare tutta la baia e di vedere la linea dell’orizzonte: un classico per chi passa il tempo ad osservare le onde da queste parti. Ci sono tantissimi punti di osservazione come questo lungo la costa portoghese e tutti offrono panorami e tramonti superbi.
Tra un caffè e le classiche Pastel de Nata, incontro Richard, o “Ricardo”, come lui stesso sottolinea, cercando di instaurare un legame immediato con l’Italia.
Siamo uno di fianco all’altro, ad osservare un mare che sebbene non offra grandi onde rimane sempre affascinante, con la sua infinita distesa, oggi più scura di quanto ci si aspetterebbe, sotto un cielo pulito dal vento. Io bardato come un alpino per le folate di vento; lui in muta, bagnata e sfilata per metà sferzato dagli alisei…Capelli bianchi a mezzocollo e la pelle del viso chiazzata, probabilmente dalle onde e dal vento di oggi, penso. I suoi occhi guardano ogni barra in mare che viene sferzata e rovinata dal vento e si accorgono di chi in acqua lascia passare onde che lui aveva, forse, interpretato meglio.
E’ lui ad attaccar bottone -oggi il vento rovina tutto, servirebbe una baia più riparata- sante parole! È in viaggio con la sua compagna, andranno fino in Andalusia, ha 70 anni ed è Americano, Ricardo.
Se il vento è riuscito a rovinare i miei piani di surf, non sembra averlo fatto con i suoi, dato che è appena uscito dall’acqua col suo 9’ a noleggio. Ma soprattutto, nonostante gli anni continua a starsene lì, al vento con ancora la muta addosso a guardare un mare che oggi può solo definirsi intrigante. La mia sinusite si è infiammata solo a guardarlo!

Qualcosa non torna, penso, sembra la scena di un film. La nostra chiacchierata vira sulla conformazione della baia di Sao Juliao e su come alle Hawaii il vento aiuti le mareggiate. Si, perchè Ricardo pare non essere un 70enne annoiato, che nel giorno peggiore ha deciso di iniziare a fare surf. Anzi, lo fa da 50 anni ed ha casa alle Hawaii, più precisamente ad Oahu, dove proprio grazie alla combinazione di venti e mareggiate ha potuto surfare i più classici degli stereotipi delle onde tubanti, che probabilmente ogni surfista ha immaginato nella sua vita.
Nella sua vita ha surfato a Fiji e Tahiti, alle Hawaii e in California. Di tutte si porta i segni, i suoi acciacchi. Perché dopo 50 anni di surf, niente è più come prima, mi dice. Collo, spalle, anche, ginocchia e caviglie, di infortuni ne ha patiti molti. Mi racconta di suo figlio acquisito e di suo nipote. Il primo per tre mesi all’anno vive per infilarsi in tubi grandi come camion, nelle isole a sud del Pacifico. Cose che ha fatto anche lui, anche quando la mareggiata più grande di sempre colpì le Hawaii nel ‘69. Lui stesso mi dice: “la più grande mareggiata del secolo, non importa cosa dicano oggi le statistiche”. Quando inizia a definirla come le sua onda più bella, non collego il tutto ai classici riferimenti di storia del surf.


Quel giorno, mi dice Ricardo, le onde erano troppo grosse, e per raggiungere le line up classiche, i soliti canali d’uscita non c’erano. Le onde erano lontanissime, e gigantesche mi racconta. In acqua non c’era nessuno, ma tanti ad aspettare fuori nei parcheggi, sperando in una finestra praticabile. C’era anche lui, tra quelli che aspettavano, però decise di spostarsi. Era sicuro che uno spot più riparato avrebbe sopportato meglio quella mareggiata tanto potente.
Così in bici, sotto la pioggia ed il vento, superò Waikiki, sperando che qualcuno degli spot più riparati, potesse offrire qualcosa di surfabile e come dice il proverbio: chi cerca, trova. Qualche spiaggia dopo Waikiki, trovò alcune uno spot orientato, con 7 – 10 m d’onda e delle linee “sicure” da cui entrare. Gli ci volle un po’ per trovare lo slancio -con quella dimensione, era meglio stare a guardare da terra 20 minuti in più ed essere “sicuro” di poter tornare a casa-.


Quaranta erano i minuti che lo separavano dal point. Quaranta minuti a remare, da solo, su una tavola da surf lunga e pesante, con la tecnologia dei materiali che era un po’ quella che era, nel mezzo di quella che tutti i giornalisti definiranno, poi, la Tempesta del Secolo. Era il ‘69 e si, è esattamente la stessa tempesta in cui Greg Noll, a Makaha, sfidò l’Oceano da solo, diventando il surfista più grande ed influente di sempre, aprendo la strada ad un nuovo tipo di surf. Si dice che di quell’onda non esistano foto o immagini pubbliche, chissà…

Ricardo non è Greg Noll, quella non è Makaha e quando arriva in line up non è da solo. Sono in 3, forse 4, i matti, come dice lui, che hanno deciso di provarci. Lui lo fa con una sola onda, dopo un’attesa che sembra durare un’eternità. Il buon vecchio “vado, non vado”, riflesso di auto-conservazione… su 10 metri d’onda è più che comprensibile.
Finalmente arriva ciò che stava aspettando: l’onda della sua vita, la più bella, paurosa e gigantesca onda che avesse mai deciso di surfare. La vide arrivare da lontano, una sinistra abbastanza aperta per correrci sopra, la deve surfare back-side, spalle alla parete. Un mostro dice lui. E credetemi, se vi dico che mentre lo raccontava aveva gli occhi in fiamme. Sarà stato il vento, ma sembrava davvero rivivere quel momento e tutte le sue emozioni! Ricardo iniziò a remare, take off e poi una discesa infinita in mezzo al blu più scuro, tagliandolo con una sola unica, perfetta linea, bottom turn per ritornare sulla cresta dell’onda e prima di ributtarsi giù, per una frazione di secondo guarda a destra, nell’antro della bestia: il ruggito che scaturisce fuori dal tubo dell’onda è stato il rumore più pauroso e delizioso di sempre mi racconta. Così tanta energia eruttata come un geyser gli ha fatto tremare le ossa allora e perfino oggi.
L’onda termina e così la sua corsa in una zona sicura dove rimane ancora, tremante, per 20 minuti buoni cercando di capire se si era trattato di un sogno o della realtà e se davvero fosse ancora vivo.

Raramente ho visto persone raccontare scorci della propria vita con la stessa intensità. Di solito sono immagini più sfocate, impastate dal tempo, ma il suo racconto è vivido come una polaroid lì a Sao Juliao. Per un momento, solo un momento, è stato come essere lì, 40 anni fa. Mi racconta però che purtroppo cose del genere non può più farle. Già solo la sua caviglia, che non gira più come un tempo, lo obbliga ad un take off troppo lento che gli fa perdere molte belle onde. È comunque felice del surf fatto e dei posti che ha visitato. “E’ tempo che altri si divertano” mi dice sogghignando soddisfatto “come mio nipote che vive con me sull’isola di Oahu, tra surf e scuola. Sta talmente tanto in line up, che gli manca solo respirare sott’acqua!”.

È passata un’oretta abbondante da quando abbiamo iniziato la nostra chiacchierata. Domani se ne andrà a sud, vuole far vedere anche un po’ di Algarve alla sua compagna, prima dell’Andalusia. Ci salutiamo e ci ringraziamo entrambi, io per il piccolo pezzo di storia che mi ha raccontato e lui, per aver potuto rivivere quei momenti oggi.

Buon viaggio Richard, spero di incontrarti ancora!