OF THE FOG AND THE WIND // DEL VENTO E DELLA NEBBIA

Ottobre 6, 2018 0 Di ElseWhere

“In the old days I remember a wind… that would blow through the canyons. It was a hot wind called Santana and it carried the smell of warm places” -quote Big Wednesday

Ok, forget about Santana and warm places. In these days here in Portugal all that is just a memory, replaced by cold and wet wind smelling like a fish shop.

Let’s go with the story then.

Our Millenium land us in Gelfa, a small village with a rocky and sandy bay, protected by the usual dune’s ecosystems. The stop is free (with toilet and showers) and we are not alone. Some Germans are there with their two vans since few days yet. Weather is good, it’s warm and waves aren’t bad at all, some duck dives to reach the line up, but runs are long and quiet. There is no crowd here, few heads from north Europe, Germans included and one of them looks like the case of a normal body given his size!

We were saying that tropical weather does not belong to this area, as a matter of fact the North wind with a fog that London’s one looks like the smoke of a cigar makes us change the plan. Two days without visibility, cold and moisture within the bones push us to leave the place. At the end besides few waves and some autumn ailments, this place did not impress us too much. So we run south towards a burning sun… yes, a burning sun…

We take the chance for a tour in Oporto, maybe have some surf and clean a bit the Falcon: living on the beaches, with two dogs, in a starship, it is not exactly the way to keep dust away! The city welcomes us with warm sun and fair heat, but the camping we choose is out of the city center, 500 meter far from the beach, that could be a good hit.
The wind wait us there at day one, still from North and the fog too, worst than Gelfa if possible, and this basically kills the surf. In exchange we have a walk in Oporto where the sun still shines warm and safe. This town is always wonderful, a cosmopolitan crossroads of colors, full of file that can bring you back in the days to Tortuga with narrow streets, steep stairs, homes tenaciously cling one on top of the other and his warm and ground colors. As usual the easiest visit is Ribeira square and her alleys, sometimes quiet and familiar, sometimes a bit less, with the locals always smiley and available.
Special mention goes to the Parque de Campismo Salgueiros: for just 8€/day we get hot showers, clean toilets, a cheap churrasqueria and a quiet place where to sleep. All this at 30 minutes by bus from Oporto center. We get some pampering as we are here, enjoying some nice Sushi for dinner (sometimes you deserve it ;P).
If there is something you can’t miss here, Pastel de Nata is what we are talking about . Pol enjoys them during dawn patrol 2 mornings in a row, with big waves, probably funny too, but as head counting is zero in the black water and even lifeguards did not show themselves up with strong current in the water, he came back into bed, at least with full belly!

We leave Oporto, in a sunny day (…) and a flat sea, so we decided for a quick jump into past days, choosing 5 beaches to visit, including that were everything started: Esmoritz. Here our love for the ocean and surfing began. We find again all the known places: the house that hosted all of us, the spot, the amazing restaurant O’Barco, the pinewood and all other memories. The village did not change that much: the fisherman houses are still there in the suburbs, maybe with new paints, but just there to remind us that living of the sea is not an easy game and require uncommon engagement and perseverance. Fisherman’s faces marked by sun and salt are the proof of that and they look at us like 10 years ago: aliens that know the sea only by his funny side. And most probably they are right.

We continue on our road with these thoughts in mind, with North cold wind still blowing in our exhausts, pushing us to Torreira and Sao Jacinto. We are lucky twice: watching flamingos live, enjoying the Sao Jacinto lagoon, very similar to a fast food for birds given the amount of clams available and then in Torreira the biggest beach we have ever seen, where a pic will not represent the idea of such a vast and empty land and how small you could feel watching an endless white beach with a wild roaring ocean that does not allow you to ear any other noise. Willing or not, you are there alone, with true nothing around you. A strange feeling.

After a bite of philosophy it is time to land again and try to take out our surf boards against this wind the still blows form North. Figueroa da Foz, a 62 thousand inhabitants town, seems to offer what we look for, not that far away from the harbor a protected bay allows left and right waves, big and long enough with 10-12 seconds period. Still tropical weather is an old memory and we stop here without public services.
As a matter of fact, if day one surf is funny enough, after that, we are kept on the ground by the wind, low temperature and ailments of the age, which we try to fight back with winter weapons: hoodies, sweatpants, wool socks and pills.
We get back in the water on day three, but still cold as hell. Waves are anyhow super fun and long runs are for most of the riders.
If there is a lot of fun in the water, the land environment is not the same. Unfortunately surfers visiting this spot are not the most educated. Many of them took the dune and its walk as a big open toilet and you have to slalom between any kind of bodily functions of men and animals.
Indeed the harbor nearby does not make the water the cleanest so additional sessions are just a mirage.

For us it is time to find a warmer place, without wind where we can relax for a while.

For this reason we decided to get away from the coast, entering to the Natural Park of Serra de Aire and Candeeiros to visit what is called one of Portugal’s 7 wonders: Mira de Aire caves.
Along the road, thanks to the useful app to find place for camping, we find a little lake, the despite its few meters of diameters, it is called Big Lake, with easy water loading, super clean toilettes and a green area where we stop for some days to take over the ailments under a warm sun and possibly no wind we suffered in Figueroa. And that is what we got, relax, stretching sessions and a dry warm weather.
We say hello to the “little big lake” reaching the cave after lunch. A passionate and young tour guide bring us 230 meter underground and in more or less one hour she show us mineral structures uncommon for this area, made of unique limestone, 150 millions year old.
The caves have been discovered in 1947, and still today there are areas not open to the public. The most impressive thing is that given their limestone composition they are true underground water channels, since on the land there is not a single river spreading water around. The caves have been open to the public only in 1974 and still today new galleries are opened by the water.

 

Healed, heated and happy we head to the old and nice Baleal, where we park for free, another back in the days for us, but seems to be the place with the less wind and with an attractive weather.
At the beginning the place seems exactly the same, but after a while we notice that concrete took over: much more buildings, much more houses and apartments, more malls and overlapping surf shops to satisfy a kind of tourism that is just looking for the same cheap offer at every latitude.
Three floors trailers and true school buses are pouring tens of foam boards for groups of 20 learning riders thrown in the water without having any understanding of rules like priority or co-existence in open water.
We are at talking often of just the basic, not yet the perfect understanding of the rules to enjoy the surf in crowdy line ups.
Sad to say, but surf is just pure business here, teachers and students are taking over all the peaks, as the paid hour buys you the unique usage of the wave, with very poor respect of those not needing a teacher.
This is pure surf industry, and the Rip Curl building together with the same brand factory outlet 50 meters further, keeps reminding us that. As the unlimited amount of surf lodges and retreats rooms for rent and courses every 10 meters.
Even the well known Bar do Bruno (who named a peak on the beach) isn’t there anymore, eaten by a fire, as to say “your time is over, business matters”. Just the shower is still there for everybody in the past, just for the students now… even the water became pure business in this place.
Despite this uncomfortable feelings, we eat surf for three or four days, enjoying the sun, no wind and the beach, that at least is not fully packed.

Time to leave has come. We want to go and meet some friends in Ericeira where the QS 10000 is on, to chill out and enjoy the place.

—> scroll down for more pics and videos <—

//

“Dei tempi passati ricordo un vento che soffiava attraverso i canyons, era un vento caldo chiamato Santana che portava con sé il profumo di terre tropicali” -cit. Un Mercoledì da Leoni

Ecco, scordatevi immediatamente Santana e le terre tropicali. In questo periodo in Portogallo il vento caldo ed il profumo di terre tropicali è un lontano ricordo, sostituito da vento freddo e umido all’odore di pescheria.

Ma andiamo con ordine.

Il Millenium ci sbarca a Gelfa, un piccolo paesino, con una baia rocciosa e una lunga spiaggia di sabbia, protetta dal suo ecosistema di dune. La sosta è libera (con WC e docce) e non siamo gli unici. Un nutrito gruppo di ragazzi tedeschi con due furgoni è giá lì da qualche giorno. Il meteo è favorevole, fa caldo, e le onde il primo giorno non sono male, un po’ di duck-dive per arrivare in line-up, ma le corse sono lunghe e pacifiche. L’affollamento è minimo, principalmente ragazzi del nord Europa compresi i ragazzi tedeschi, uno dei quali è la custodia di una persona normale, data la mole.
Dicevamo, che il clima tropicale non è più di questi lidi, ed infatti il vento da Nord, insieme ad una nebbia che quella in Val padana è il fumo di un raudo, ci rovinano i piani. Due giorni di visibilità zero, di freddo, umido che ti entra nelle ossa, ci portano ad abbandonare il posto. D’altrode a parte qualche onda e qualche acciacco autunnale, il posto non ci ha offerto molto. E quindi sud, verso il caldo. …sí, il caldo…

 

Cogliamo l’occasione per fare un giro nei pressi di Porto, magari surfare e fare un po’ di pulizie al Millenium: vivere praticamente in spiaggia, con due cagnette, in un camper, non è il modo esatto per stare lontani dalla polvere! Attraversiamo Porto che ci accoglie con un sole caldo ed una discreta afa, ma il camping dove decidiamo di fermarci è fuori città a 500 metri dal mare e lí, ovviamente, il vento (sempre da Nord) e la nebbia, peggiore di Gelfa se possibile, la fanno da padroni e abbattono le aspettative di surf drasticamente, ma ci offrono la possibilità di una giornata in città dove incredibilmente il sole splende caldo e confortante. Porto è sempre una bella visita, una città cosmopolita e piena di vita che in qualche modo ci ha riportato all’immaginario di Tortuga: vicoli strettissimi, ripide scalinate, case abbarbicate l’una sull’altro e colori caldi e terrosi. Come sempre la visita più semplice è quella nella piazza di Ribeira ed i suoi vicoletti, a volte accoglienti e rassicuranti, a volte un po’ meno, ma i locali sono sempre disponibili e sorridenti.
Una nota speciale va al Parque de Campismo Salgueiros che ci ospita: alla modica cifra di circa 8€ al giorno ci da acqua calda, bagni davvero puliti, una churrasqueria decisamente economica ed un buon posto dove dormire. Il tutto a 30 minuti di bus dal centro di Porto. Non resistiamo e lasciamo un po’ andare e ci godiamo anche un Sushi locale (oh, qualche vizio ogni tanto ;P ), tra l’altro davvero niente male.
Ah, ritroviamo anche le mitiche Pastel de Nata, che per due mattine accompagnano Pol nel controllo mattutino delle onde, grosse e probabilmente divertenti, ma l’assenza di surfisti in acqua, il non presentarsi dei bagnini sulle torrette e la corrente non indifferente, lo fa desistere rispedendolo sotto le coperte.

Lasciamo Porto, con il sole (…) ed il mare calmo, e decidiamo di fare un salto nel passato, scegliendo 5 spiagge, tra cui quelle dove forse tutto è iniziato: Esmoritz. Qui è partito l’amore per il surf e per il mare, e ritroviamo difatti tutti i posti, la casina dove siamo stati in una decina di amici, lo spot, il mitico ristorante O’Barco, la pineta etc. etc. Ci passiamo attraverso e il paese è cambiato poco, le case dei pescatori in periferia sono sempre lì, forse leggermente rinnovate, ma sempre lì a ricordarci che vivere del mare è comunque faticoso e richiede un impegno ed una costanza a volte fuori dal comune. Le facce dei pescatori sono sempre segnate dal sole e dal sale, e ci guardano come 10 anni fa: alieni, che del mare conoscono solo il lato divertente. E molto probabilmente hanno ragione.

Con questo pensiero proseguiamo, dato che il vento da Nord continua a soffiare negli scarichi del Millenium, e ci porta a dare un’occhiata a Torreira e Sao Jacinto. Qui abbiamo due fortune: la prima è uno stormo di fenicotteri che si gode la laguna di Sao Jacinto, che pare essere un fast food per volatili di ogni genere vista la quantità di gusci di vongole a riva; e la seconda è a Torreira, dove la spiaggia è talmente lunga che una foto non renderebbe la sensazione di piccolezza che si prova a stare lí, nel mezzo di una distesa infinita di sabbia bianca battuta da un oceano davvero selvaggio e da un vento che non ti fa sentire la voce di una persona a pochi metri da te, volente o nolente sei da solo nel mezzo dell’immensità.

Dopo un po’ di filosofia è ora di atterrare e tirare fuori le tavole da surf, cerchiamo quindi un posto riparato dal vento, e lo troviamo a Figueira da Foz, una cittadina di 62mila abitanti che offre, non troppo lontano dal porto, una baia abbastanza riparata da permettere la formazione di onde destre e sinistre abbastanza grosse, con 10-12 secondi di periodo. Qui ci fermiamo in libera senza servizi e un freddo non indifferente. Difatti se il primo giorno il surf mattutino è divertente, il giorno dopo, vento, temperature e acciacchi autunnali ci tengono a terra, ai quali cerchiamo di rimediare con sciarpe, felpe, tute, calzettoni di lana fatti dalla nonna e benagol.
Il vento freddo non molla, ma le onde l’ultimo giorno regalano divertimento a non finire, ma lo stesso non si può dire dell’ambiente fuori dall’acqua, perché purtroppo dobbiamo riconoscere che l’educazione dei visitatori di questo spot non è la migliore. Molti prendono la solita duna e la sua passerella come un grossa toilette a cielo aperto e tocca fare lo slalom tra qualsivoglia funzione corporale umana e animale, in più il porto nelle vicinanze non rende l’acqua particolarmente pulita ed invitante per ulteriori sessioni di surf.

È ora di cercare un posto caldo, senza vento e dove potersi rilassare.

A tale scopo decidiamo di allontanarci dalla costa e inoltrarci nel Parque Natural das Serras de Aire e Candeeiros per andare a visitare quella che viene definita come una delle 7 meraviglie del Portogallo: le grotte di Mira de Aire.
Lungo la strada però, grazie alla davvero utile applicazione per trovare aree in sosta libera, troviamo un piccolo lago, che a dispetto dei sui 15 metri di diametro si chiama Lago Grande, con un comoda area di carico acqua, bagni pulitissimi e uno spiazzo verde dove fermarci finalmente al caldo per qualche giorno a smaltire gli acciacchi da freddo patiti a Figueira da Foz. Ed è proprio quello che otteniamo, relax, lunghe sessioni di stretching e caldo secco!
Salutiamo il laghetto in tarda mattinata e arriviamo alle grotte di Mira de Aire dopo pranzo. In un’ora abbondante la giovane e appassionata guida ci porta a 230 metri sottoterra per osservare conformazioni minerali atipiche per la zona, fatte di formazioni calcaree uniche per questa area e vecchie di 150 milioni di anni. Le grotte sono state scoperte nel 1947, e ancora oggi vi sono aree non aperte al pubblico. La cosa più impressionante e che per la loro composizione queste grotte fungono da veri e propri canali d’acqua sotterranei, dato che in superficie non c’è un corso d’acqua che sia uno! Le grotte sono state aperte al pubblico solo nel 1974 e ancora oggi, nuove gallerie vengono scavate dalle acque sotterranee.

Guariti, scaldati e felici ci dirigiamo verso la vecchia e cara Baleal, dove sostiamo sempre in libera, un altro ritorno al passato, ma è il posto più vicino senza vento e con un meteo che dalle previsioni sembra invitante.
A prima vista il paese sembra lo stesso, ma poi ci accorgiamo che il cemento ha preso il sopravvento, costruzioni su costruzioni, case su case, centri commerciali e surf shop, si accavallano uno sull’altro, per accontentare una massa di turisti che non cerca altro che un offerta piatta e uguale ad ogni latitudine.
Rimorchi a tre piani attaccati a veri e propri scuolabus scaricano decine di tavole in schiuma, per gruppi di 20 persone buttate in lineup senza nessuna conoscenza delle regole base di precedenza, uscita in mare aperto o semplicemente di convivenza in mare. E parliamo di una conoscenza superficiale di queste regole, nessuno pretende una piena comprensione dello stare in acqua.
Il surf è oramai business puro qui, insegnanti e corsisti monopolizzano un picco, come se l’ora pagata ne concedesse l’uso esclusivo, con tra l’altro molta poca educazione nei confronti di chi di una scuola non ha o non ne sente il bisogno.
Qui è surf industry pura, ce lo ricorda la palazzina Ripcurl e a 50 metri il factory outlet dello stesso marchio, ce lo ricordano la quantità infinita di surf lodge e retreat che pubblicizzano stanze e corsi disponibili ogni 10 metri.
Anche l’istituzione Bar do Bruno (che dà il nome a uno dei picchi della spiaggia) non c’è più, spazzato via da un incendio, come a dire “il tuo tempo è finito, e ora di lasciare spazio al business”. Solo la doccia è rimasta, specificando che l’uso è solo per i corsisti… anche l’acqua è divenuta puro business in questo posto.
Nonostante questa sensazione sgradevole, mangiamo surf per tre o quattro giorni, godendoci il sole, l’assenza di vento e la spiaggia, che almeno non è piena fino alla morte!

Ma adesso è ora di andare a trovare degli amici, Ericeira ci aspetta. Il QS è in corso a Ribeira d’Ilhas.

 

————————– more pics and videos // altre foto e altri video ————————–

 

View this post on Instagram

Angoli d’arte a Porto // Artistic corner in Oporto

A post shared by ElseWhere Project (@elsewhere.project) on

View this post on Instagram

Cartoline dalla laguna // postcard from lagoon

A post shared by ElseWhere Project (@elsewhere.project) on