ALENTEJO AND ALGARVE

Dicembre 18, 2018 0 Di ElseWhere


SMALL TRAVEL NOTES  //
PICCOLI FOGLI DI VIAGGIO

 

And Alentejo it is!

First destination is Tròia. No specific reason, a part the nice position: a ground line running in front of Setubal with quiet sea at East, and open Ocean at West.
We arrive here later than sundown, so the welcome is pretty dark: the area we expected to stop it is closed, as it’s private. We find place between villas, big and small, in a quite wealthy block. Luckily owners are out, being Summer gone since a while.
At wake up the ground line shows itself as too crowd, the village is super-chic and set as an huge resort, Casino included. Given the mess and the underground parking lot, physically inaccessible for us, we choose an healthy and wise move southern.

We set Porto Covo on our radars, less than 100 km. We take all the necessary time to get there through secondary roads, where traffic jam is extremely rare.
At our arrival we understand that there are many bays and small beaches after some off-roads, still doable for our Millenium. We pick up one, which at the arrival is almost full. Fortunately it is Saturday and we know that Sunday evening most of the weekend visitors will leave their spots to us. The place is very nice and we stop here for some days; but as soon as we decide that, the unplanned happens: the charger controller between panels and batteries went off, without notice and presence of life.

So weekend is starting and we don’t have the chance to recharge the batteries. The first verifications are fine, fuse seems ok, wires seem connected well as what is connected to power still works properly.
Without no answers we decide to look at it on Monday (shops will be open) and get the best from the ocean with an amazing peak.
No overcrowding, as we are just three people, two of them locals: one shouting crazy and not very friendly, the other open and providing suggestions on how to manage the wave, indeed super funny! The left wave is vertical and long enough and the right more open and easier.

Monday we move to set our electrical problem in a couple of shops, until we end to the right one. We find the right controller, few accessories and 80 euro bill. Not only, we did not have enough cash with us and here in Portugal often shops do not accept card like debt card from Italy because of commissions. To loose some more time we had to search for an ATM through small villages, with comments at the payment: “something we have here are ATM definitely” …
We got back to Porto Covo with all the needed replacements and the sun was already down.

We replaced the controller and the fuse (it was gone too at the end) successfully, as we can stay for some more days in Porto Covo area, enjoying surf and walks, testing some night pictures without moon catching as much as stars as possible. Empty and desert landscapes are amazing: secluded caves reachable only by foot, desert beaches where low tide creates small crystal clear lakes, cliff jumping straight into the ocean… finally we get rid of the overcrowding seen so far.
The only thing we will not regret is the power plant no so far away, that shows itself almost every time you look North, and the big harbor with container vessels heavily loaded that break the harmony of this unspoiled place.

From here we make few km still southern to stop at Praia do Aivados, a small paradise corner for those traveling and surfing. A small parking lot, sand and soil, at the end of an off road: we are really stepping off the van directly into the water.
We enjoyed this place for some days, there’s tourism turnover but nothing dramatic and the ocean is active with fair big waves, nevertheless we got some nice session, with good runs and far from the caos of bigger town, as we promised.

Meanwhile we are carrying on the search on www.workaway.info, to find a place where to stop and work in exchange of food and a roof. If on one hand we don’t get many replies to our inquiries, we luckily have been contacted from Algarve. After some email exchange we have a deal: from Oct. 23rd we will start working. More or less we will remain in Algarve until the end of November. Very good.

With this good news in our pocket, we continue traveling. Find our future host in Algarve is perfect as it is exactly on our planned path. We start moving into this region from Arrifana, fascinating surf spot, where some years ago we stopped for dinner, without enjoying waves.
Arrifana is well known to surfers and during high season it is extremely crowd, but it’s Fall now, and those few parking lots available aren’t busy and we can enjoy the surf without getting mad! Wind came back again, but from the day after nice waves and less breeze are foreseen.
That is what happen, sun shining, little wind e fair big waves. Thanks to stars aligned, waves are really good, long and easy. Nonetheless (the usual reverse side of the coin) line up is so packed  that on each take off, it is better to shout to keep priority, not nice behavior but well worth! Talking with people in the water, Pol step into the usual german giant and they have the chance to talk about Levanto, a place that our Alemannic hero would like to ride. It is amazing how much that Italian wave is known in Germany!
While swell and wind are getting bigger and bigger , locals are talking about surfing the Amoreira river in the afternoon, as this swell will be supported by super wind (what a news ^_^’) and the upcoming high tide will blow the sea on the river, making a sort of static natural wave! Not only the oceanic waves… really they have everything here! 🙂

The swell appears together with bad weather which we prefer to face while traveling rather than not moving under the rain. We head Sagres, but storm takes place a second time and despite this happening, the parking lot is fulfilled with vans and surfing boards. Usually a good sign, the ocean might be very generous in the coming days.
At the same time this bad weather front gained a name given the size, Leslie. It seems to be a very strong hurricane that will impact the coast, reason that pushed us to spend one night in a more protected area, a nearby camping.
Fortunately we are too south for Leslie who impacted from Lisbona up to North, we got some rain but nothing too serious, and in the morning sun is brilliant. We take the chance for a shower and a laundry session and then we leave.
Off season Sagres looks a bit a ghost town, a few people around, empty shops, but still there are groups coming here for the classic surf camp.
We decide to use Sagres as base camp for the coming days, there are many beaches closer: Beliche, Castelejo, Amado, Bordeira and many others. If we want to surf all at their best, we will need a lot of time, but who knows…
We can make this plan happening just partially, mostly because some spots are not exactly accessible rather because of time. Indeed we are discovering our Millenium limits: with certain off road gradient or with little grip, a good amount of experience with gas and clutch is required to avoid as much as possible any slippage climbing up. Not easy tasks! In Bordeira we were very close to leave the starship on a cliff, holding others cars and vans down. Luckily our Millenium did not give up, taking us out. Next time, better to check on foot how the roads are!
We find nice lines at Castelejo, at Beliche, where wind was on but the session was very nice with vertical take offs but super funny rides. 
The best has yet to come, and when we go to check Cordoama we have one of the best scenario ever seen: tubing fresh waves under a warm sun and a super blue sky!
Waves are glassy and sooo long, just some people in the water, everybody surfs respecting each other and the rules. Waves are quite big and line up is far , better to have rules and people understanding them. Given the wave size, Pol enjoys this gift from Neptune, riding waves he only watched in movies and Nix enjoys the place walking with Rissa and Pina up to cliffs truly ruling the spot (despite her dizziness that she overcome as usual). She remains charmed by that perspective, where waves, booming against a small breeze and sun rays, create  multicolor rainbows looking like dragon’s breaths!

During off surf days in Sagres we take care of routine stuff like laundry and water loading to also check a bit the surroundings. We ended to Burgau checking here and there, a small fraction of Budens, which is included in the town of Villa do Bispo: it’s a Chinese box! We stop in this small village for some days, first because we hoped to find a protected spot and enjoy an empty bay, second, because the gradient to get out from the parking turns to be too steep due to heavy raining! The village drop straight down to the sea and climb back up with first rains turns to be missione impossible! We have to wait a sunny day to dry the roads before we can get the right grip and climb up to the higher and safer small square.
The square is quite small, 160 feet, front to the sea and a small parking but forbidden to camper (ok, ok we did not follow the sign,  but don’t worry, karma will not wait too long for a bill). Oh, in this small square there are three restaurant too. Right, three restaurant, meaning that the Millenium might have take some place to customers… but com’on, three restaurant in such a small place!!
After setting up comfortably, we decide for a surf session, sunny, flat wind and some people yet surfing. A lot of fun, Nix rides her 7.0 taking off earlier than many riders and Pol with the Mantra mini Simmons uses all the available volume to taking off even earlier. Nice and funny session!
Once out of the water, by accident we step into our future workaway host: Rita. We did not know at that time we were supposed to workaway in this village, but now we got it. Her house is nearby our van. She is with Hanna, a German girl working here, and two more friends and we receive a dinner invitation we can’t clearly refuse!

Waiting dinner time we hang our suits to dry on the Millenium bike handler, drying ourselves to the small wind blowing on late afternoon.
Dinner is super nice, Rita’s friends are from Germany, the largest traveler community off season as it seems. We talk about various subjects, especially what’s going on in the respective home countries. David shares with us his concerns about the job placement, specifically in public healthcare, as he is getting his degree soon. Misery loves company we would say. We talk about Europe, about the Italian economic plan and about the European feeling of the Germans, since it seems they define themselves European more than other nations are doing. We also talk about much easier matters, like our project or Rita’s one.
We leave home at 2am and at the van….SURPRISE! Somebody took Nix’s wetsuit away! Bad words and swears are the immediate reaction. Just for the record, Pol’s wetsuit has not been touched at all, hanging out as the last three months. 
The day after we pass the happening to the locals, and everybody was really stupefied. At the end thefts in a 450 people village is rare, tourism is low too but no leads available. We move away from Burgau with a wet suit less, and this will be the place where we will stay soon for a month and an half roughly. In these cases you can say well, but not very well (raw translation!). ^_^’

We keep base in Sagres for the last days before starting workawaying, with Nix recovering from a bad inflammation around her ear’s nerve. The day of the wet suit robbery, the late afternoon wind dried her hair, yes, but the ear has been affected too. Paying a visit to a pharmacy, she got anti-inflammatory and surf ear plugs to start the recuperation.

We now start this volunteering part of our trip, after three months where we surfed, laughed, (rarely) get desperate, drove for miles, enjoyed incredible sunsets and charming landscapes; we have seen endless sand tracts, we endeavour to solve problems, we were moved in front of the beauty of nature, we met new and old friends, we got a wetsuit stolen, we risked to get stuck down from cliffs, we say hello to this holiday period and we thrown ourselves into a new chapter made of work-exchange, sharing and firmer pace full of excitement

Nomadic lifestyle see you soon!

 

—> scroll down for more pics and videos <—

 

//

 

E che Alentejo sia. 

Fissiamo come prima meta, Tròia. Nessun motivo particolare, se non la posizione: una lingua di terra che arriva fino davanti a Setubal, con a est una baia di mare calmo, e l’oceano aperto a ponente.
Arriviamo che il sole è tramontato da un pezzo, perciò riceviamo un buio benvenuto: l’area di sosta che avevamo individuato è chiusa, poichè privata. Riusciamo a trovare spazio in una zona di ville e villette, sembra un quartiere decisamente abbiente, ma con gli inquilini pressoché assenti, essendo l’estate passata da un pezzo.
Al risveglio la lingua di terra, si rivela ampiamente sovraffollata, il paese sul mare è super chic e agghindato come un enorme resort con tanto di casinò. Vista la folla ed il parcheggio sotterraneo, fisicamente inaccessibile, optiamo per una sano e sobrio spostamento più a sud.

Puntiamo Porto Covo, poco meno di 100km più a sud. Ci prendiamo tutto il tempo necessario lungo le statali, dove il traffico è qualcosa di davvero raro.
Raggiunta l’area interessata, notiamo che esistono diverse baie e baiette, su strade sterrate, ma ancora accessibili al Millenium. Ne scegliamo una, all’arrivo piuttosto piena. Ma per fortuna è sabato e sappiamo che la domenica spariranno i visitatori del weekend. Il posto ci piace e decidiamo di fermarci qui qualche giorno; ma ovviamente, appena prendiamo questa decisione, arriva l’imprevisto: il regolatore di carica tra pannelli solari e batteria, ha deciso di salutarci, non dando alcun segno vitale.
Ci ritroviamo dunque a cavallo del weekend, senza possibilità di ricaricare la nostra batteria servizi. Inizialmente pensiamo che qualcosa sia saltato, controlliamo il fusibile, ma a prima vista sembra tutto ok. I collegamenti sono dove devono essere, gli accessori che erano collegati funzionanti. 
Senza grandi risposte, e con la batteria carica affrontiamo il weekend, che regala un bel picco in mare aperto.
Affollamento nemmeno a parlarne, di tre che eravamo, due erano local: uno un bodyboarder abbastanza scontroso e urlante, l’altro invece prodigo di parecchie indicazioni su come affrontare l’onda, tra l’altro davvero molto bella. Un picco con una destra un pò verticale, ma sufficientemente lunga e la sinistra più aperta e più semplice. 

Il Lunedì, per risolvere il problema elettrico giriamo un paio di assistenze, prima di imbroccare quella giusta. Troviamo un regolatore adatto, qualche accessorio ed un conto di circa 80 euro. Purtroppo in Portogallo negli esercizi commerciali le carte estere spesso non vengono accettate per questioni di commissioni ed ovviamente non avevamo contante sufficiente, e giusto per perdere ancora un po’ di tempo, trovare un bancomat ci obbliga a girare per paesotti e frazioni, con anche i commenti al saldo dell’assistenza: “ah qui una cosa che non manca sono i bancomat” …
Rientriamo vicino a Porto Covo con il materiale necessario ed il sole già calato.

Dato che la sostituzione del regolatore e del fusibile (alla fine era andato anche lui) risolvono il problema elettrico, rimaniamo qualche giorno intorno a Porto Covo, godendoci il surf e le passeggiate, e a sperimentare qualche foto notturna approfittando delle notti stellate senza luna. I paesaggi deserti e desertici sono stupendi: calette nascoste raggiungibili solo a piedi, spiagge deserte che con la bassa marea formano laghetti di acqua cristallina, scogliere scoscese che si tuffano a picco nell’oceano… finalmente ci disintossichiamo dall’affollamento delle tappe precedenti. Unica nota dolente è il mega porto con centrale elettrica in lontananza (ma neanche troppo) sullo sfondo, dal quale parte un gran via vai di navi gigantesche stra-cariche di container che interrompono l’armonia di un orizzonte incontaminato.

Da qui ci spostiamo ancora più a sud, per fermarci a Praia do Aivados, un piccolo angolo di paradiso per chi viaggia e surfa. È un piccolo parcheggio, misto sabbia e terra, alla fine di un strada non asfaltata: il mare è davvero lì davanti a pochi passi. Ci fermiamo qui qualche giorno, c’è un po’ di ricambio di visitatori ma niente di affollato. L’oceano è bello attivo e nei giorni successivi qualche session di buona qualità si fa vedere. Ci regaliamo qualche bella onda e un distacco da zone più affollate, come ci eravamo promessi.

Nel frattempo portiamo avanti la ricerca su www.workaway.info di un posto dove fermarci per un po’ e cominciare a lavorare in cambio di vitto e alloggio. Se da un lato non arrivano risposte alle nostre richieste, per fortuna riceviamo una proposta dall’Algarve. Nel giro di qualche giorno troviamo un accordo sulle date con Rita, la ragazza host del progetto, sulle: dal 23 di Ottobre inizieremo a lavorare. Indicativamente staremo lì fino alla fine di Novembre. Molto bene.

Intanto continuiamo il nostro percorso, tra l’altro perfetta la proposta dall’Algarve, essendo praticamente di strada! Entrati in Algarve, decidiamo di fermarci per surfare ad Arrifana, spot particolarmente affascinante, in cui avevamo mangiato qualche anno fa, ma senza entrare in acqua.
Arrifana è abbastanza rinomata, in alta stagione è davvero piena, ma ad Ottobre, i pochi parcheggi non sono tutti occupati e si può godere del surf senza impazzire. Il vento in questi giorni si fa di nuovo sentire, ma il giorno dopo è previsto un calo ed un bel mare.
E così accade: sole, poco vento e delle onde per niente piccole. Grazie a questo allineamento astrale, le onde sono davvero belle, lunghe e non complicate. Però (c’è sempre un però) la line up straborda di gente! Qualche urlo al take off è necessario, ma davvero, ne valeva la pena. Tra una chiacchiera in acqua e l’altra, Pol si imbatte nelle solito “armadio” tedesco e scambiano due parole su Levanto che il nostro alemanno vorrebbe tanto surfare. Incredibile quanto sia conosciuta in Germania quell’onda!
Mentre mareggiata e vento continuano a crescere, qualche local parla di surfare il fiume ad Amoreira nel pomeriggio, dato che la mareggiata che sta arrivando e supportata da un vento esagerato (che novità ^_^’) e con l’alta marea spingerà il mare a ridosso del fiume, rendendolo surfabile come un onda statica! Pure… non si fanno davvero mancare nulla! 🙂

La mareggiata in arrivo si palesa insieme al maltempo e pensiamo che sia meglio affrontarla su strada piuttosto che in acqua, dirigendoci a Sagres dove però la tempesta si scatena di nuovo, e la quantità di van parcheggiati fa sospettare un mare particolarmente generoso nei prossimi giorni.
Siccome tutti i giornali, compresi quelli italiani, parlano di una tempesta tanto violenta da meritare un nome, Leslie, decidiamo che è il caso di trascorrere la notte supportati da servizi e ci dirigiamo verso un campeggio nei dintorni. Leslie nella notte si fa sentire ma per fortuna non è niente di speciale: tanta acqua, ma al mattino è già tutto passato e il sole splende, ne approfittiamo per una doccia calda e salutiamo il camping.
Sagres fuori stagione sembra un po’ un paese fantasma, poca gente in giro, locali vuoti, ancora però ci sono i gruppetti che arrivano per il classico surf camp. Ci stabiliamo qui per diversi giorni, primo per potere visitare le varie spiagge nelle vicinanze: Beliche, Castelejo, Cordoama, Amado, Bordeira, etc. bisognerebbe stare qui parecchio per surfarle tutte nelle loro condizioni migliori. Chissà….
Riusciamo a mettere in pratica il nostro piano di piazzare una bandierina per spiaggia solo in parte, più per la posizione di alcuni spot che per mancanza di tempo. Infatti cominciamo a scoprire i limiti del Millenium: ad una certa pendenza sterrata o comunque con poco grip, serve una grossa dose di esperienza con frizione e acceleratore per risalire. A Bordeira infatti per poco non restiamo lì appesi in salita, bloccando una ventina tra auto e furgoni. Ma il Millenium ha trovato comunque dove aggrapparsi e ci ha tirati fuori. La prossima volta si va a vedere prima a piedi!!!
Troviamo belle barre a Castelejo, a Beliche, peccato per il vento ma è stata comunque una bella session, onde verticali ma divertentissime. Ma il meglio del meglio lo regala Cordoama, sole, acqua fresca e tubi. Le onde sono glassy e lunghissime, c’è gente in line up ma si surfa tutti e con rispetto. Data la misura, Pol si gode il regalo di Nettuno con alcune corse davvero lunghe su onde che normalmente vedeva solo in video e Nix si gode l’area nei dintorni passeggiando con Rissa e Pina per le scogliere che dominano lo spot (le vertigini ringraziano ma come sempre hanno la peggio) e rimanendo affascinata dalla vista dall’alto degli sbuffi di acqua alzati dal vento sulle onde disegnate che, scontrandosi con i raggi del sole, formano arcobaleni multicolori che sembrano il respiro di draghi acquatici.

Nei giorni a Sagres senza surf ci occupiamo delle classiche commissioni come lavanderia o carico acqua in modo da muoverci e vedere un po’ la zona. In questo giro ci fermiamo a Burgau, una frazione di Budens, che a sua volta è incluso nel comune di Villa do Bispo: una scatola cinese praticamente. Qui ci fermiamo qualche giorno, un po’ perché speravamo che il vento e le mareggiate ad Ovest raggiungessero la baia, un po’ perché anche qui la pendenza per uscire dal parcheggio vista mare -sul porfido reso sdrucciolevole dalla pioggia- ci è stata nemica tanto da obbligarci ad aspettare il sole per risalire. Il paese scende verso il mare in modo molto deciso, e risalire le strade di porfido con le prime piogge si rivela mission impossible. Risaliamo (per fortuna!) al primo caldo, che offre al nostro Millenium il grip necessario per sistemarci sullo spiazzo più in alto
Lo spiazzo è una piazzetta larga 50 metri, sul mare, con un piccolo parcheggio ma il cui accesso è vietato ai camper (ok, ok non abbiamo dato retta al segnale, ma vedrete, il karma non tarderà a farsi sentire). Ah, nella piazza ci sono anche tre ristoranti… si tre! Piazzati in maniera confortabile, decidiamo di surfare entrambi, il sole è caldo, non c’è un filo d’aria e c’è un po’ di gente in acqua. Ci divertiamo parecchio entrambi, Nix con il 7.0 parte prima di molti e Pol con il mini Simmons, usa tutto il volume della tavola per anticipare anche di più i take off. Una volta fuori, inciampiamo nel nostro futuro host di workaway: Rita. La incontriamo davvero per caso non sapendo ancora dove abitasse e scopriamo di aver parcheggiato a pochi metri dalla sua casa. Ci sono altri due suoi amici e Hanna, una ragazza tedesca che sta lavorando qui e riceviamo un invito per cena al quale non possiamo certo dire di no. 

Aspettando l’ora di cena mettiamo a stendere le mute sul porta-bici del Millennium e ci asciughiamo alla brezza di Burgau
La cena è molto piacevole, gli amici di Rita sono tedeschi, i viaggiatori fuori stagione più numerosi. Ci confrontiamo su molti argomenti, specie le situazioni di casa, ed è Robert, ad un passo dalla laurea in Medicina ad esprimere molte perplessità sul mercato del lavoro tedesco, specie nella Sanità… mal comune mezzo gaudio diceva il proverbio. Discutiamo dell’Europa, del Def italiano e del fatto che in Germania si sentano e si definiscano europei, più che in altre nazioni. Non mancano anche gli argomenti più leggeri, il nostro progetto o quello di Rita.
Lasciamo la casa alle due e arrivati al camper …SORPRESONA! Qualcuno ha deciso di rubare la muta di Nix! Le imprecazioni si sprecano tanto che i santi del paradiso vengono a trovarci uno per uno in ordine alfabetico! La muta di Pol, per la cronaca, è rimasta appesa allo specchietto come negli ultimi tre mesi.
Il giorno dopo passiamo la voce in paese e sono tutti molto stupiti. D’altronde qui abitano 450 persone, e non essendo Agosto, i turisti sono davvero pochi ma della muta nessuna traccia. Ci spostiamo da Burgau con una muta in meno, e sará lo stesso posto dove dovremmo passare i prossimi 40 giorni. In questi casi si direbbe bene ma non benissimo. ^_^’

Restiamo con base a Sagres per i giorni restanti, ma con Nix in convalescenza per via di una brutta infiammazione al nervo dell’orecchio. Il vento che si è alzato il giorno del furto della muta, le ha si asciugato i capelli ma il suo orecchio ne ha risentito non poco. Ci rivogliamo ad una farmacia che le consiglia un anti-infiammatorio e con l’aiuto di tappi per le orecchie da surf, inizia il recupero.

Incominciamo così la parte più “impegnata” di questo viaggio, dopo tre mesi dove abbiamo surfato, riso, ci siamo (raramente) disperati, abbiamo fatto chilometri, goduto tramonti stupendi e panorami affascinanti; dove abbiamo visto distese di sabbia oltre l’orizzonte, ci siamo ingegnati per risolvere problemi, ci siamo commossi davanti alla bellezza della natura, abbiamo incontrato amici, nuovi e vecchi, ci siamo fatti rubare una muta, abbiamo rischiato di rimanere bloccati giù dai pendii delle scogliere, salutiamo il nostro periodo di vacanza e ci buttiamo con entusiasmo in un nuovo capitolo fatto di scambio-lavoro, condivisione e un ritmo più stabile.

Arrivederci nomadismo!

 

————————– more pics and videos // altre foto e altri video ————————–