ERICEIRA: THE POP, THE MOUSE AND THE FRIENDS // ERICEIRA: IL POP, IL TOPO E GLI AMICI

Ottobre 31, 2018 0 Di ElseWhere

We land in Ericeira after a quick stop at the Lisbona airport. David was on the way back from Turin and instead of taking the bus, we extended our daily trip of 30 minutes with pleasure. We are not in a hurry, so why not.
Lisbona highways are the usual mess, especially when you are used for the last weeks to drive alone on secondary routes, but we managed the traffic jam picking up our friend, who moved in Ericeira since a couple of years.

Living here he has a more local perspective compared to who’s just passing by. In fact one of the first thing he highlights, and we can see with our own eyes, it’s the amount of new superstores (all in there might be at least 5!) without forgetting the amount of surf schools and the hostels and lodges: countless. All with the same basic and cheap offer to attract the highest amount of tourists.
It does not end here, World Surf League is back with their QS10000. This means that the best international surfers are in the water, with all his wagon! Given the amount of points available, also the Championship Tour riders (the bests of the bests) joined this round.
If at first we wanted to join the WSL fan wagon and watch the contest live, we decide to stay far away from Ribeira d’Ilhas, parking the starship for the first night above Foz da Lisandro, that has two available areas: the first closer the surf spot, but too steep to sleep, and a second one, higher on the cliff, flat enough to have a good night. As a matter of fact, we are not the sole van there.

If Ribeira d’Ilhas had very nice surf conditions for the pros, it is not the same at Foz and we try to be luckier moving souther to Sao Juliao. The wind (still him, and still from North) makes the spot to messy for a nice session. Fortunately we can spend some time with friends from Moka surf and yoga retreat, like Scion, who moved here since some years. They are locals here, successfully and with their happy and peaceful “oasis”, a bit far away from the commercial battle ground. We are so lucky to meet Richard, a vibrant 70 yo guy, that for one hour makes us dreaming about surfing Hawaii in late ‘60s. (here our post about Richard and the big swell of 1969)
Day one goes by easily with some chat, coffees and some Pastel de nata. Given the outcome we decide to stop overnight here in Sao Juliao, nice and evocative place.

The romance ends up the following morning, because of all a sudden we start finding in the peaks and in the hidden corner of the Millenium “nice” souvenirs from a mouse, that took advantage of our absence the day before, stowing away on our starship.
The lovely Mickey Mouse left tracks of his presence -read shit- in the whole tail dinette, the wardrobe and the closed zones of the main dinette…it’s a drama. First we empty the whole van, hoping that being there with Rissa and Pina, it will be enough to get him far away. Fortunately our storeroom is in the higher part, so it was untouched! Empty everything means washimg all the textiles, done at the 24/7 laundry and in half a day the starship is ready again… or at least, this we thought…
The day after we had the worse wake up, since Mickey Mouse was still in there, tracks were again visible but less than before, as probably the climbing magnesite he enjoyed had terrible effects the first day on his digestive apparatus and our hygienic feeling. Anyhow we accept the challenge, and get ready for the haunting.

Possible solutions to the problem:

  • Negotiation: the counterpart didn’t show up at the table;
  • Venom: not such a smart idea with two dogs onboard;
  • Uncruel traps: not found;
  • Coexistence: if he doesn’t poo like lions in each corners we could have consider that

First camping day, with the whole starship dismantled and all peaks open, does not deliver any success; organic tracks still are around, even if less and less. Probably with all this light our enemy struggles  for comfortable zones. Discouragement is high as we were not prepared for anything like this, nor practically neither emotionally.
Fortunately it is 2018 and the web, with his shared knowledge, came to support us, with a YouTube tutorial for a do-it-yourself trap: buck,  30cl plastic bottle, iron wire and an old good cheese and jam combo. We also add some ultrasonic trap from YouTube leaving the Falcon and we leave everything set off, while we are out for dinner…. all the tools are out from the kitchen at the moment, so impossible to have anything home-made and save money. 

We weren’t sure to win the fight, with low moral, the idea of going through professional disinfection and the very bad surf of those days, due to the usual wind. The whole thing was looking very hard.
Instead…when we came back after dinner, trap checking and…. HERE HE WAS, we took him! We could not believe that. We played as a team, facing everything smiling and beside the money thrown for camping, launches and dinners out, we survived to the challenge.

You are right, it was just a mouse (a small one too) not the devil, but trust us when we say that fighting against an unseen enemy for days, it is really exahusting, especially when you don’t have the right tool to do it! For the future we decide to take measures using essential oils of peppermint and eucalyptus, natural repellent for mice, creating some cotton barriers soaked with these products. Nice side effect it that our Millenium smells like a 5,5 meters candy now, very pleasant for our noses in the end.

Once situation is solved we spent some times thinking to this happening. As outcome we decide to leave Ericeira. We meet Furio, Augusta and their daughter Nora (the rest of Moka’s leading team), talking about the projects ongoing and how the situation is changing in the town (rehouse renting, opportunities and competitions). We pass by to say hello to David and Dorotea (thank you guys for the warm shower when we arrived) and we pay a visit to the Moka house, where Scion showed us the last years enhancements (your Yurta is wonderful guys! Reallly a great job!)

Finally the time to leave has come. Our starship is definitely cleaner and we are more conscious how our traveling house is done, since we mopped every corner.

So, stopping in Ericeira wasn’t exactly as expected, might be the mouse, the extra costs, might be because we saw that many of the travelers have problems managing their physical needs while free camping (dudes, a small hole in the ground it’s enough, if your really want to shit in the nature!), might be the waves good the days we were busy with “haunting”. All things that could happen when you are traveling, since it can’t be all shiny and brilliant 🙂

The surf industry took over also here, as seen in Balel and Peniche (read the post about it). Courses and apartment offers growth tremendously and still it does. “The place to be” definition is absolutely right and everybody is investing here: super hotels and super welcome structures are opening, with the returning of the World Surf league as additional evidence. Our main doubt is how long will it last and what when, and if, this bubble will burst? Somebody is yet looking far ahead, differentiating services, trying to focus more on quality, but seems to be just a few (Moka is one of them as they are not just surf).

We words still about the Ericeira camping are due by the way. We are off season for. October, 1st but the price paid per night we got very basic service, if not absent: toilet power plug not working, grey water dump often  misused for black waters (still this problem of shit management),shower not warm, bar or place where to have a quick dish (there is a small market and a Pizza Hut, closed those days). Making the story short, for half of the price in Porto we have in 5 star camping (read the post about it) !
Beside the above, here we met a Swedish family, dad, mom and 5yo daughter, traveling for a noble target, rather than just go out for a long holidays. They want to keep their daughter far away from all political shouting you can read and see around (yes, in Sweden too!), since being formed from all this mess does not look healthy. Matt (the daddy) explains us that their goal is show the child that we are not so different despite the latitude and that there a lot of beautiful things out of your own and usual garden. Even if there are differences, they are not necessarily menaces to be afraid of. Lo (the mom) is a freelance programmer and she is capturing many of these moments with her blog. Their trip is supposed to end in December this year, due to the school program bureaucracy but a solution to match traveling and schooling program would be interesting for them. This will allow them to remain on the move with their camper-van, surfboards and bicycles! Seems we are on a similar travel plan, willl see if we meet again in the coming weeks, who knows.
For now we can just be happy to see people that would like to o take over the background noise and bring back values that probably we are slowly forgetting.
We exchange contacts, wish all the best and leave Ericeira.

As you might have understood, we came out a bit saturated from these last experiences more “city-oriented”, it is time for a wilder environment that fits better our last habits: less people, less caos, less concrete and especially less mice!
Alentejo…we are coming!

—> scroll down for more pics and videos <—

 

//

 

Sbarchiamo ad Ericeira dopo aver fatto una capatina all’aeroporto di Lisbona. David era in rientro da Torino e piuttosto che fargli prendere il bus, abbiamo allungato volentieri di mezz’oretta. Non abbiamo nessuno che ci corre dietro, quindi perchè no.

Le autostrade di Lisbona sono un po’ un casino per chi ha guidato durante le ultime settimane solo su statali deserte, ma nonostante questo riusciamo a recuperare il nostro amico, che da un paio di anni si è trasferito qui a Ericeira. Ovviamente vivendo e lavorando qui ha una visione molto più local di chi è solo di passaggio. Una delle prime cose che ci fa notare è la quantità di ipermercati nuovi (in tutto c’è ne saranno almeno 5 in questo momento) ma non solo: sono aumentate a dismisura le scuole di surf e le strutture ricettive, ostelli e lodge a non finire e tutti con la stessa offerta, tendenzialmente al ribasso per attrarre quanti più clienti possibili. Ma non è finita qui: il World Surf League è qui, con il QS10000. Questo significa, il meglio della scena surf internazionale in acqua con tutto il “carrozzone” che ne consegue! Infatti data la posta in palio anche i partecipanti al Championship Tour (il massimo campionato mondiale) si uniscono a questo evento per portare a casa punti.

Se all’inizio pensavamo di far la parte dei turisti per dare un’occhiata alla gara, decidiamo invece di stare alla larga da Ribeira d’Ilhas, e ci fermiamo in libera la prima notte sopra Foz da Lisandro, che ha due aree, la prima più vicina alla spiaggia, ma decisamente in pendenza, e la seconda, su in alto a lato della strada principale, abbastanza pianeggiante da poterci dormire. Difatti non siamo soli.
Se a Ribeira d’Ilhas l’oceano regala onde da professionisti, non accade lo stesso a Foz, quindi ci spostiamo a Sao Juliao, qualche km più a sud, ma il vento (si sempre lui, che continua a inseguirci da nord) rende anche qui il mare piuttosto disordinato. Quindi niente surf ma incontriamo, senza bisogno d’appuntamento, Scion, uno degli amici della Moka surf and yoga retreat, che da un po’ di anni si sono stabiliti qui ad Ericeira con successo, e in una sincera isola felice di pace e tranquillità in questo caos commerciale. Non solo… riusciamo anche a scambiare due chiacchiere con Richard, esuberante settantenne che per un’oretta buona ci fa sognare le Hawaii degli anni ‘60.  (qui il post su Richard e la Tempesta del Secolo del 1969)
Insomma la prima giornata se ne va tra una chiacchiera, un caffè e qualche Pastel de nata. Decidiamo di passare la notte in libera nel parcheggio di sabbia di Sao Juliao, posto tranquillo e anche abbastanza suggestivo.

Il romanticismo però ci saluta il mattino successivo: troviamo nei gavoni e negli angoli più reconditi del Millenium, alcuni simpatici ricordini di un sorcio, che ha approfittato della nostra assenza il giorno precedente, per imbarcarsi clandestinamente sulla nostra astronave. Il caro Mickey Mouse ha lasciato tracce della sua presenza -a.k.a. “cacchette”- in tutta la dinette posteriore, l’armadio e le zone coperte della dinette anteriore… e da lì, che dramma sia: in primis svuotiamo, puliamo e tutto, sperando che la nostra presenza e quella di Rissa e Pina sia stata sufficiente ad allontanarlo. Per fortuna la dispensa è in alto ed è rimasta intonsa! Svuotare, pulire e disinfettare tutto non esclude ovviamente tutti i tessuti, cosa che riusciamo a fare grazie ad una lavanderia automatica e in mezza giornata rendiamo l’astronave di nuovo operativa… o meglio… così ci siamo illusi.
Il giorno dopo il risveglio non è dei migliori, dato che Mickey Mouse torna a farsi vivo, meno prepotentemente del giorno prima (probabilmente la magnesite da arrampicata con cui ha banchettato il primo giorno ha avuto effetti nefasti sul suo intestino, oltre che per il nostro senso igienico). Comunque, non avendo debellato il nemico al primo colpo decidiamo per una lotta più agguerrita: piazzarci in campeggio, svuotare tutto il Millenium, spostare tutto all’interno della tenda e che iniziare la caccia.

Soluzioni:

  • negoziazione verbale: la controparte non si è presentata al tavolo di discussione;
  • veleno: con due cani al seguito la escludiamo;
  • trappole non cruente: non pervenute in alcun luogo;
  • convivenza: non defecasse come un leone in ogni dove se ne potrebbe anche parlare.

Il primo giorno di campeggio disequipaggiamo tutta l’astronave e apriamo tutti i boccaporti sperando così di togliere al nemico cibo e nascondigli, ma la strategia non porta frutti; le tracce sono ancora ben presenti, anche se con meno nicchie nascoste, il nostro avversario fatica a trovare posti comodi dove bivaccare. Lo sconforto è abbastanza forte, dato che si tratta di un problema al quale non eravamo minimamente preparati nè praticamente, nè emotivamente.
Ma per fortuna internet e le sue conoscenze condivise ci vengono in aiuto: troviamo un tutorial per costruire una trappola artigianale: secchio, bottiglia, fil di ferro e e del buon vecchio formaggio e marmellata. Ci aggiungiamo anche degli ultrasuoni disponibili su YouTube, e lasciamo la nave con trappola innescata e armi sonore attive. Nell’attesa ci avviamo per una cena in paese… perchè avendo svuotato completamente il Millenium è impossibile prepararsi un pasto casalingo.
Non eravamo particolarmente convinti di uscirne vincitori, avevamo il morale a terra al pensiero di dover affrontare la cosa tramite una disinfestazione professionale dovendo così sborsare ulteriori soldi imprevisti oltre ai pasti fuori e il campeggio, ed in più il pessimo surf di questi giorni a causa del vento, l’ottimismo non era di casa.
Invece… rientriamo dopo cena, controlliamo la trappola e… PRESO! Non ci potevamo credere. Abbiamo fatto squadra, cercando di affrontare il tutto con il sorriso nonostante i momenti di sconforto e ne siamo venuti fuori.
Ok, non abbiamo cacciato un demonio o chissachè, ma credeteci, avere giorni interi in cui “combatti” un nemico invisibile è davvero sfinente, soprattutto quando non hai i mezzi per farlo! Comunque decidiamo di prendere provvedimenti: grazie agli oli essenziali di Menta piperita ed Eucalipto, repellenti naturali per i topolini, trasformiamo il Millenium in una mentos di cinque metri e mezzo, cosa anche piacevole all’olfatto alla fine dei conti.

Risolta la situazione e riflettendo sull’accaduto, decidiamo di completare i saluti e di lasciare Ericeira, vediamo Furio, Augusta e la loro figlioletta Nora (il resto del team della Moka), chiacchierando dei rispettivi progetti e di come stia cambiano la situazione in paese (affitti, opportunitá e concorrenza) salutiamo David e Dorotea (super grazie per la doccia calda il primo giorno), e passiamo in Moka dove Scion ci mostra i progressi degli ultimi anni (stupenda la Yurta che avete costruito! Davvero bravissimi).
È così ora di ripartire, con un Millenium decisamente più pulito e soprattutto noi più consapevoli di come l’astronave sia fatta, avendo passato la pezzetta in ogni angolo nascosto e non.

Insomma la sosta ad Ericeira non è stata come ci aspettavamo, vuoi per il topo, vuoi per le spese extra non previste, vuoi perchè ci siamo resi conto che molti di quelli che viaggiano hanno un grosso problema con la gestione dei loro bisogni nelle soste libere (basta fare una buca se proprio volete farla nella natura!), vuoi per le onde che sono state accettabili solo un giorno in cui noi eravamo purtroppo impegnati nella caccia grossa. Comunque tutte cose che succedono e fan parte del viaggio: non può splendere sempre il sole! 🙂

Comunque anche Ericeira, come Peniche e Baleal è diventata surf industry (vedi il post in cui ne parliamo). L’offerta in paese per corsi e appartamenti è cresciuta enormemente e continua a farlo. La definizione del “the place to be” in questo momento è certamente corretta, tantissimi stanno investendo: super hotel e super strutture ricettive stanno aprendo, e sicuramente il ritorno del Word Surf League è un propulsore importante da questo punto di vista. Le domande che ci poniamo sono ovviamente: quanto durerà? cosa succederà alla città quando, e se, questa bolla scoppierà? Qualcuno riesce a guardare più lontano, con servizi più vari, ma soprattutto con un offerta di qualità, ma sono davvero in pochi (Moka è uno di questi, e non lo diciamo solo perché sono nostri amici, abbiamo trovato una grande consapevolezza nella gestione, bravissimi!).

Due parole sul campeggio di Ericeira sono comunque da spendere. Siamo in bassa stagione dal primo di Ottobre, ma per il prezzo pagato per notte, i servizi sono piuttosto basici, se non assenti: zero corrente nelle prese in bagno, gli scarichi delle acque grigie spesso inavvicinabili (il solito problema della gestione degli escrementi), le acque della doccia tiepide e in piena corrente, nessun bar o locale dove si possa mangiare a pranzo (c’è un piccolo alimentari chiuso proprio in quei giorni…). Insomma per la metà di quanto pagato qui, a Porto siamo stati in un campeggio 5 stelle (vedi il post in cui ne parliamo) !
Ma non tutto il male vien per nuocere… i nostri vicini di piazzola sono una famiglia svedese, mamma, papà e figlia di circa 5 anni, davvero piacevoli; non sono in vacanza, ma anche loro in viaggio e con uno scopo ben preciso: dimostrare a loro figlia che tutte le beghe politiche, le discussioni di cui continuamente si legge sui giornali (sì, anche in Svezia) e tutto quell’urlare mediatico, non sono l’unica cosa da cui farsi formare: fuori c’è un mondo! Matt (il papà) ci spiega che vorrebbe mostrarle che non siamo poi così diversi a seconda delle latitudini, che il bello comincia fuori dal proprio giardino e che temerlo perché diverso, non ha alcun senso. Lo (la mamma) è una fotografa freelance, e riesce ad immortalare molti di questi momenti tramite il suo blog. Il loro viaggio terminerà a fine anno, dato che dovranno iscrivere la piccolina a scuola, ma non gli dispiacerebbe trovare una soluzione per restare in movimento con il loro camper, bici e tavole da surf. Siamo più o meno sullo stesso tragitto, magari ci incontreremo nelle settimane a venire, chi lo sa.
Per ora non può che farci piacere trovare lungo il cammino chi decide di andare oltre il rumore di fondo cercando spiragli di genuinità in questo mondo costruito. Ci scambiamo i contatti, augurandoci il meglio e salutiamo Ericeira.

Come avrete capito siamo usciti da queste ultime esperienze “cittadine” parecchio saturi, ed è ora di ritornare ad uno stato più selvaggio e a noi più consono: meno gente, meno casino, meno cemento e -sopratutto- meno topi!!!
Alentejo… arriviamo!

————————– more pics and videos // altre foto e altri video ————————–

View this post on Instagram

Step by step #elsewhere #elsewhereproject

A post shared by ElseWhere Project (@elsewhere.project) on